Nuoro, gioielliere legato e ucciso in un tentativo di rapina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44

Legato, imbavagliato e poi ucciso all’interno della sua abitazione. E’ stato con tutta probabilità un tentativo di rapina quello che è accaduto a casa di un gioielliere di Sorgono, in provincia di Nuoro.

Giuseppe Manca, 63 anni, è stato infatti trovato privo di vita nella sua abitazione di Corso IV Novembre, che si trova esattamente al piano di sopra rispetto al suo negozio “Cose belle”, storica gioielleria del paese. L’uomo è stato rinvenuto ancora legato e imbavagliato. A scoprire il cadavere, intorno a mezzogiorno, sono stati i vigili del fuoco allertati dai parenti e dai vicini della vittima che non avevano sue notizie.

Dopo un primo esame effettuato sul cadavere, l’ipotesi più accreditata dagli investigatori sembrerebbe essere la morte per soffocamento. Sul corpo dell’uomo, che viveva solo nell’abitazione sopra il suo negozio, non emergono tracce di arma da fuoco né segni di violenza o macchie di sangue.

La notizia della morte del noto gioielliere ha creato un vero e proprio shock nella comunità di Sorgono. Giuseppe Manca viene definito da tutti i compaesani come una persona tranquilla, gentile, stimata e benvoluta.

Il 63enne viveva da solo, dopo la morte di due anziane zie, l’ultima scomparsa di recente, titolari prima di lui della storica gioielleria del paese “Cose belle”.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!