Iqos di Philip Morris: la tecnologia inventa un modo di fumare che elimina catrame e sostanze nocive

Smettere di fumare è senza dubbio il modo migliore di sentirsi finalmente bene con sé stessi e di migliorare la propria salute (ma anche quella di chi ci sta attorno). Purtroppo però smettere per molti è davvero difficile, percepito come un’impresa impossibile. Esiste un compromesso che sta dilagando fra coloro che non vogliono rinunciare alla nicotina ma non vogliono neppure continuare a fumare le sigarette tradizionali. Si chiama ‘Iqos’ l’ultimo dispositivo di Philip Morris, un device che si basa sulla tecnologia ‘heat not burn’, vale a dire ‘scalda e non brucia’.

Il dispositivo è dotato di una piccola lamina in platino e ceramica, che si scalda senza bruciare l’apposita sigaretta inserita nel device e che permette di fumare un aerosol di nicotina e tabacco, ma senza produzione di catrame, giacché il prodotto non brucia. Eliminando il processo di combustione si elimina anche il catrame e altre sostanze nocive tipiche delle sigarette tradizionali.

Inoltre, a differenza delle sigarette elettroniche, il prodotto prevede l’utilizzo non di fiale di liquido aromatizzato, ma di vere e proprie ‘stick’ di tabacco, chiamate ‘heat stick’. Iqos non produce fumo e cenere e neppure l’odore delle sigarette. Per questo è possibile fumarlo all’interno dei locali, in genere ovunque si fumi anche la sigaretta elettronica. Iqos sta spopolando nel mondo.