Bangladesh, uomo ricoperto di tumori. Medici: “Servono soldi per le cure”

Shadot Hossain è un uomo che vive in un villaggio del Bangladesh. Ha 47 anni ed è affetto da una malattia genetica, la neurofibromatosi, che gli ha riempito il corpo di masse tumorali di differenti dimensioni. La sua storia, che sta commuovendo il mondo, testimonia delle sofferenze estreme nelle quali è costretto a vivere.

I tumori, infatti, si sono moltiplicati a tal punto che oramai gli impediscono quasi completamente di vedere, avendo ricoperto pressoché la totalità del volto. Shadot non può più indossare abiti nella parte superiore del corpo e lotta per nutrirsi a casa dei dolori lancinanti dai quali è attanagliato: “Se mangio focacce, il collo mi fa male. Così mangio quasi esclusivamente riso”, ha infatti dichiarato. L’uomo, che fino a qualche anno fa svolgeva un regolare lavoro presso una fabbrica vicino al suo villaggio, ha dovuto abbandonare qualunque tipo di attività ed oggi, ormai disoccupato, ostracizzato da buona parte dei suoi compaesani, vive in condizioni di indigenza assieme alla moglie e ai due figli, che hanno dovuto abbandonare la scuola a causa delle difficoltà economiche che la famiglia sta attraversando.

“Mio figlio Abdullah non parla più con me- ha confessato in lacrime alla stampa locale-, Lo capisco perchè si senta in quel modo. Quando esco i bambini hanno paura di me, mi chiamano ‘mostro’. Non posso fare nulla per mio figlio o la mia famiglia”.

Intervistata, la moglie di Shadot ha dichiarato in lacrime: “Quando ci siamo sposati, mio marito era già affetto da questa malattia, ma stava piuttosto bene. La sua condizione è molto peggiorata negli ultimi 5 anni, i tumori sono cresciuti dappertutto.”

Fortunatamente, però, un giovane medico locale, Mohammed Mamun Biswas ha portato avanti una raccolta fondi per permettere all’uomo di pagarsi le cure mediche necessarie. Adesso verrà trasferito al National Institute of Neuro-Sciences & Hospital di Dhaka. La speranza è che i soldi siano sufficienti per una diagnosi completa ed il trattamento minimo indispensabile a Shadot per ritornare a vivere una vita normale.

G.c.