Saronno, riesumato corpo del suocero dell’infermiera: forse ucciso coi sedativi dalla coppia killer

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:31

Potrebbe essere stato ucciso con dei potenti sedativi, di modo che nessuno se ne accorgesse, il 20 ottobre del 2013. Secondo l’accusa, la coppia killer di Saronno, il medico Leonardo Cazzaniga e l’infermiera Laura Taroni, avrebbe ucciso con sedativi anche il suocero di lei, Luciano Guerra. 
La Procura di Busto Arsizio vuole scoprire la verità, se anche Guerra è stato avvelenato e tolto di mezzo, come sospetta il figlio Massimo.

Secondo gli investigatori, Taroni e Cazzaniga avrebbero somministrato a Guerra dei medicinali anestetici presi dal pronto soccorso senza indicazione e senza necessità terapeutiche e ‘approfittando di circostanze di tempo, di luogo e di persona tali da ostacolare la privata difesa dell’uomo, per mezzo di sostanze venefiche’ per provocarne la morte. Per questo motivo, il suo corpo verrà riesumato e verrà esaminato da degli esperti incaricati dall’autorità giudiziaria.

Laura Taroni e Leonardo Cazzaniga sono al centro di un’indagine dopo che diverse morti sospette in corsia hanno fatto scattare l’allarme e la denuncia di due infermieri di Saronno, due anni fa. Cazzaniga è accusato di aver ucciso quattro persone ed in concorso con la donna anche il marito, la madre e il suocero di lei da ultimo. Secondo l’indagine, Cazzaniga adoperava il cd. ‘protocollo Cazzaniga’ cioè un cocktail di farmaci che portava alla morte i pazienti, ma senza destare grandi sospetti.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!