Locri: avvocato ucciso nel suo appartamento, arrestato lo zio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:24

Nelle prime ore del pomeriggio a Locri un avvocato di 35 anni è stato assassinato nella sua abitazione a colpi d’arma da fuoco. L’avvocato, Francesco Filipone si stava per recare allo studio legale quando qualcuno lo ha fermato e colpito con diversi proiettili, i vicini, allertati dal fragore degli spari, hanno chiamato i soccorsi e la vittima è stata trasportata in ospedale dove, dopo qualche minuto, è morto.

Per indagare sull’accaduto sono arrivati sulla scena del delitto i carabinieri, i quali, vista la mancanza di segni di effrazione e violenza nell’appartamento, hanno subito pensato che si potesse trattare di una persona che la vittima conosceva. Dopo aver interrogato i condomini hanno scoperto che poco prima della sparatoria lo zio dell’avvocato Filipone aveva fatto visita al nipote e sono andati a cercarlo nel suo appartamento. Qui hanno trovato l’uomo in stato confusionale con a fianco la pistola che presumibilmente verrà accertata come arma del delitto.

Non sono ancora chiare le motivazioni che hanno indotto l’uomo ad un gesto di tale violenza, l’assassino infatti si trova in questo momento al comando dei carabinieri dove il procuratore di Locri Luigi D’Alessio sta effettuando l’interrogatorio. Sulla vicenda si è espresso il sindaco di Locri che in una nota ufficiale pubblicata da ‘Ansa.it‘ ha scritto: ” É una tragedia che sconvolge la città intera. Una vicenda familiare, a quanto pare, che provoca dolore e sconforto”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!