Muore di anoressia a 30 anni: Ashley ha rifiutato le cure

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:42

Essere ‘accompagnati’ dalla malattia per tutta la vita, al punto da rifiutare le cure e lasciarsi morire. E’ la triste storia di Ashley, una giovane americana che ha trascorso quasi tutta la sua vita lottando contro gravi disturbi alimentari, dall’anoressia alla bulimia. La 30enne americana, arrivata a pesare solo 30 chili, è stata ricoverata nel reparto cure palliative dell’ospedale di Morristown, nel New Jersey, ma qui ha espresso il desiderio di non essere sottoposta ad alimentazione forzata, una sorta di eutanasia, considerato il suo peso ormai ridottissimo; il giudice ha comunque accolto, tre mesi fa, la sua richiesta, epilogo di una lunga e complessa battaglia legale e così Ashley si è di fatto lasciata morire. Il suo corpo era ormai quasi inesistenti, con le ossa equiparabili a quelle di una 92enne, come sottolineato dai medici.

Ma nonostante la sua condizione precaria lo scorso anno Ashley ha detto al tribunale di non voler più bere o mangiare, richiesta inizialmente rigettata dalla procura dello stato del New Jersey secondo cui l’anoressia non è una malattia terminale e la ragazza non era in grado di intendere e volere. Nel corso della battaglia legale è stato richiesto di sottoporla ad alimentazione forzata e di utilizzare, in caso di necessità, un farmaco sperimentale.

Poi è arrivata la conferma dei medici: Ashley soffriva di anoressia nervosa terminale e dopo l’ennesima richiesta di Ashley, di essere lasciata morire dopo una vita nel corso della quale ha sofferto anche di alcolismo e depressione (con un ricovero nel 2014), il giudice ha accolto il suo desiderio. Una decisione che non è stata impugnata dal Dipartimento di Stato dei Servizi Umani. “Mi sento felice – ha dichiarato alla stampa Edward G. D’Alessandro Jr., avvocato nominato dal tribunale per Ashley G. – perché so che lei ora non soffre più, ma sento anche un profondo senso di tristezza perché la scienza moderna non ha potuto fare nulla”.

Daniele Orlandi

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!