Trump ritira la norma pro-transgender voluta da Obama: “Crea confusione”

trump bagni Donald Trump procede nello smantellare tutti i provvedimenti della precedente amministrazione guidata da Barack Obama. L’ultima mossa riguarda gli studenti transgender: la norma introdotta dall’ex presidente permetteva agli studenti transgender di utilizzare i bagni e gli spogliatoi che preferivano in base all’identità di genere con cui meglio si identificavano. Trump ha deciso di revocarla: il dipartimento di Giustizia e quello dell’Educazione, infatti, hanno inviato una lettera alle scuola pubbliche del Paese per notificare la decisione del governo, secondo cui la norma varata da Obama “creava confusione a livello locale”.

“Si deve tenere conto del ruolo degli Stati e dei distretti scolastici nella definizione della politica educativa”, si legge nella lettera inviata dai due dipartimenti. Asprissime le critiche nei confronti della decisione del tycoon da parte delle organizzazioni per i diritti civili, come Human Rights Campaign: l’associazione, che promosse la legalizzazione del matrimonio gay, definisce “vergognosa” la decisione di Trump e parla di “crudele attacco che mostra il disprezzo del nuovo presidente per la comunità Lgbt”.

Forti polemiche anche da parte dei Democratici. “Ritirare la storica norma del governo Obama per proteggere gli studenti transgender è un duro colpo ai giovani già vulnerabili di per sé”, hanno commentato la leader della minoranza alla Camera Nancy Pelosi e il senatore Dick Durbin.