Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Politica estera

Filippine, senatrice anti-Duterte arrestata per corruzione. Lei: “Persecuzione politica”

CONDIVIDI

Ancora tensione nelle filippine di Rodrigo Duterte. Dopo le ondate di proteste dei giorni scorsi, infatti, le senatrice Leila de Lima, una delle più accanite oppositrici della politica sanguinaria del presidente, è stata arrestata su mandato del tribunale di Manila.

Ufficialmente, l’accusa nei suoi confronti parla di corruzione ed abuso d’ufficio. I fatti contestati alla senatrice risalgono al periodo compreso fra il 2010 ed il 2016 quando intascò, secondo l’accusa, ingenti somme di denaro dai narcos detenuti in alcune carceri. All’epoca dei fatti la de Lima ricopriva l’incarico di ministro della Giustizia. Ed è per questo motivo che stamani, a seguito del mandato d’arresto emesso dal tribunale ieri sera, la senatrice si è spontaneamente consegnata alle autorità. Prima, però, non ha mancato di esprimere la propria opinione al riguardo: “Non riusciranno a zittirmi- ha detto infatti arrivando in centrale- e a fermarmi nella mia battaglia per la verità e la giustizia e contro la repressione e le uccisioni quotidiane del regime di Duterte.”

L’eccentrico presidente ha lanciato una campagna di repressione del narcotraffico che ha trovato molti detrattori fra i leader della comunità internazionale. Dal suo avvio ad oggi, infatti, si stima che più di 7.500 persone abbiano perduto la vita a causa dell’intervento degli squadroni della morte ai quali il presidente ha dato libertà pressocchè totale di intervento. Spesso e volentieri, a farne le spese, non sono però i grandi trafficanti, ma i piccoli spacciatori che abitano nelle periferie e nelle zone disagiate. Oggetti, più che di un’ondata di arresti, di una violenza repressiva che sta creando non poche tensioni nel Paese.

“Hitler- aveva dichiarato Duterte all’avvio della campagna- ha sterminato milioni di ebrei. Nelle Filippine ci sono adesso tre milioni di tossicodipendenti. Sarei felice di sterminarli”.

G.c.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram