Napoli, blitz in corsia contro assenteisti: 55 arresti, 94 indagati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:16

E’ di 55 persone arrestate e 94 indagate, la clamorosa indagine che sta scuotendo fin nelle fondamenta l’ospedale napoletano Loreto Mare. Una paziente opera di pedinamenti e registrazioni video, effettuata dai carabinieri del Gruppo tutela salute e dai Nas del capoluogo campano, andata avanti per più di due anni.

Come hanno confermato gli stessi militari, le telecamere piazzate all’interno della struttura hanno fatto emergere un consolidato sistema di copertura dei medici e del personale sanitario che, anziché svolgere regolarmente le proprie funzioni, si allontanava dal nosocomio per sbrigare le faccende personali più disparate. A garanzia dei manchevoli, ovviamente, la connivente complicità di operatori e colleghi, i quali strisciavano fino a venti cartellini per volta.

Sono quindi 55 le persone raggiunte dalle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Napoli su richiesta della procura della Repubblica. Fra di essi figurano un neurologo, un ginecologo, 9 tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, sei impiegati amministrativi, 11 operatori sociosanitari e 9 tecnici manutentori. Una vera e propria falciata trasversale, che attraversa l’organico di tutta la struttura. Per grottesca fatalità, fra gli assenti ‘recidivi’ vi sono anche dei dipendenti dell’ufficio rilevazioni presenze e assenze, cioè coloro che avrebbero dovuto vigilare sul rispetto delle clausole contrattuali. E’ proprio uno di loro che, durante l’orario di lavoro, andava in realtà nel Nolano a svolgere un’attività parallela come chef di una struttura alberghiera.

Ma non solo. Un medico era solito recarsi dalla corsia dell’ospedale direttamente verso i campi di tennis, oppure in gioielleria per fare acquisti. A mettere un punto ad una tale condotta è arrivato oggi il provvedimento della magistratura.

G.c.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!