Padre disoccupato scrive una lettera a Matteo Salvini: “Non ho casa e lavoro”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:02

È diventata virale la lettera che Rocco Capasso, un padre disoccupato, ha inviato al giornale Leggo chiedendo di poter amplificare il suo appello fino al leader della Lega Nord Matteo Salvini. Rocco aveva sostenuto che non gli era concesso accedere all’edilizia popolare, in quanto gli stranieri erano prima di lui in graduatoria. Una storia di povertà e di disperazione come ce ne sono tante nel nostro Paese, anche fra famiglie e giovani.

La lettera in questione era estremamente breve e semplice: “Mi presento mi chiamo Rocco Capasso sono sposato con due figli piccoli rispettivamente di 5 anni e 1 anno e uno in attesa, sono residente nel comune di Rimini….. Il mese prossimo devo incominciare a vivere in macchina. Potrebbe fare qualcosa per me? Grazie e mi scusi del disturbo”.

Il giorno dopo alla redazione di Leggo è giunta la risposta del leader della Lega Nord, Matteo Salvini, “Gentile signor Rocco e Redazione di Leggo, Vi ringrazio, prima di tutto, per aver pensato a me come interlocutore per una possibile soluzione. Rocco, desidero dirti che mi sono già attivato per verificare la situazione drammatica che stai vivendo e mi impegno a prendere personalmente a cuore la tua vicenda per quanto sarà possibile fare per i tuoi bimbi e tutta la tua famiglia. Intanto ti mando un abbraccio e tieni duro!”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!