Parigi, due ebrei aggrediti con una sega nella balieu: “Ci hanno minacciato di morte”

Ancora violenza estrema nelle periferie di Parigi. Due ragazzi ebrei, che stavano circolando in auto con la loro kippà in testa, sono stati aggrediti e vittime di feroci insulti antisemiti. Il padre di uno dei due ragazzi, che sono fratelli ed hanno 29 e 17 anni, i due sono stati fermati e quindi insultati dagli occupanti di un’altra auto che hanno urlato loro contro: “Sporco ebreo, ti ammazzo”. 

La magistratura ha accertato che i due giovani portavano visibilmente la kippà. Il padre dei due ragazzi, presidente della comunità ebraica di Bondy, città vicina a dove è avvenuta l’aggressione, ha sostenuto che si è trattato di una ‘chiara aggressione antisemita’. I due avrebbero litigato al semaforo dopo essere stati oggetto di sguardi minacciosi e insulti.

Quindi sono stati fermati ad un bar dover diverse persone sono arrivate ad aiutare gli aggressori, anche con una sega, con la quale il maggiore dei due fratelli è stato ferito al dito rischiando di perderlo. Il padre ha sostenuto che il giovane ha ricevuto 10 giorni di prognosi, fortunatamente il dito non è stato amputato. Il fratello minore è stato colpito da calci e pugni ed ha riportato contusioni. Gli aggressori sono fuggiti e non sono ancora stati identificati.