DJ Fabo è in Svizzera per chiedere l’eutanasia. Matteo, disabile grave, lo sprona: “Ripensaci!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:48

DJ Fabo è arrivato in Svizzera. Nella clinica dove è stato accolto, Fabo sta incontrando medici e psicologi per capire se la sua richiesta di eutanasia può essere accolta. Il dj, infatti, è un ragazzo di 39 anni cieco e tetraplegico che desidera porre fine a una vita che non ha scelto, “immobilizzato in una lunga notte senza fine” in seguito a un grave incidente stradale. Fabiano Antoniani, questo il suo vero nome, ha chiesto di poter morire anche al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, tramite un video-appello, realizzato grazie all’aiuto della sua fidanzata e dell’Associazione “Luca Coscioni”.

Dopo anni di terapie senza nessun esito, Fabo ha infatti chiesto che “le Istituzioni intervengano per regolamentare l’eutanasia e permettere a ciascun individuo di essere libero di scegliere fino alla fine”.

L’appello a Mattarella da parte del dj affinchè venga sbloccato “lo stato di impasse voluto dai parlamentari” arriva dopo il terzo rinvio dell’approdo del ddl sul Biotestamento in Aula alla Camera.

Ma per DJ Fabo arriva anche un appello a ripensarci: lo lancia Matteo Nassigh, 19 anni, disabile grave che dalla nascita non può parlare, camminare e vestirsi da solo. È vero che noi due non possiamo fare niente da soli, ma possiamo pensare e il pensiero cambia il mondo – scrive Matteo nella sua lettera – Fabo, noi siamo il cambiamento che il mondo chiede per evolvere! Tieni duro”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!