Il Papa invita i massimi esperti del mondo per fronteggiare l’estinzione di massa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

L’apocalisse potrebbe non essere solamente un racconto biblico teso a creare il terrore del peccato, è indubbio infatti che presto un fenomeno a livello globale possa creare un estinzione di massa, problema col quale i maggiori esperti si trovano a confrontarsi già da diverso tempo e che in questa settimana li ha visti discutere in un luogo quanto meno insolito.

Le premesse per un pensiero così negativo sul futuro del genere umano si basano su tre premesse: l’estinzione di una delle cinque grandi specie sulla terra, le terrificanti previsioni di crescita della popolazione ed il cambiamento climatico che non accenna a interrompersi o a rallentare.

Di questo ed altro sono stati invitare a parlare in Vaticano i massimi biologi, economi ed ambientalisti del mondo. L’obbiettivo dell’incontro era quello di esporre tutte le problematiche e provare a formulare delle soluzioni che permettessero il temuto fenomeno di estinzione di massa, il più grande da quando l’uomo si trova sulla terra secondo gli specialisti.

Sull’argomento è stato intervistato dal ‘Observer‘ il professor Peter Raven, biologo che lavora presso il Giardino Botanico del Missouri, il quale ha spiegato : “A partire dal prossimo secolo dobbiamo affrontate il problema del dimezzamento della fauna selvatica…l’estinzione sulla quale ci stiamo confrontando rappresenta una minaccia più grande di quella del cambiamento climatico, per il semplice fatto che questa non è evitabile“.

Il punto principale della conferenza si basava sulla certezza che oltre il 60% delle specie dei primati è minacciata dall’estinzione, mentre il 75% sarà testimone di un declino della popolazione sopratutto a causa di fattori antropologici. Su questo punto sono d’accordo sia gli scienziati che l’accademia pontificia di scienze, il fatto che una delle soluzioni prospettate potrebbe essere il controllo delle nascite, ipotesi che sicuramente verrà scartata dal Papa e dalla Chiesa tutta.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!