Filippine: decapitato il turista tedesco rapito da Abu Sayyaf

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:33

Finisce nel peggiore dei modi il rapimento del turista tedesco Jurgen Kantner (skipper di 70 anni), da parte del gruppo terroristico Abu Sayyaf: l’uomo, che era stato rapito nel mese di novembre sulla propria barca a vela mentre era in vacanza con la compagna Sabine Merz (uccisa durante l’agguato all’imbarcazione), è stato decapitato per il mancato pagamento del riscatto chiesto dal gruppo terroristico.

A diffondere la notizia è stato il sito di monitoraggio del terrorismo islamico ‘Site‘, dopo aver trovato il video in cui i terroristi decapitavano il malcapitato, ed è stata successivamente confermata dal governo filippino. La causa (se così può essere definita) dell’esecuzione è stato il mancato pagamento del riscatto da parte dei governi (filippino e tedesco) a cui i militanti di Abu Sayyaf avevano chiesto 30 milioni di pesos locali (circa 570.000 euro) entro le 20:00 di domenica sera.

Il rifiuto di pagare il riscatto è una decisione tesa a contrastare il modus operandi dell’organizzazione che già da diversi anni si finanzia con i soldi dei riscatti pagati per liberare i turisti rapiti. Non è la prima volta che un governo si rifiuta di cedere all’estorsione di denaro del gruppo affiliato all‘Isis, lo scorso anno a rimetterci la vita per il mancato pagamento erano stati i turisti canadesi John Ridsdel e Robert Hall.

Sulla triste notizia della decapitazione di Kantner si è espresso sui social Jesus Dureza, rappresentante governativo del paese asiatico, condannando aspramente la barbara uccisione e spiegando come tutti i tentativi di salvarlo sono stati vani: “Fino all’ultimo momento, in molti tra cui le forze armate filippine hanno tentato tutto il possibile per salvargli la vita”.

Ecco il video condiviso dal ‘Site’

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!