Spagna: governo spagnolo crea una nuova posizione per incrementare le nascite

Per arrestare il declino delle nascite, il governo spagnolo ha preso una posizione radicale ed ha creato una nuova posizione sessuale (chiamata sesso dello zar) con la quale i giovani spagnoli potranno incrementare le percentuali di gravidanza. Si tratta chiaramente di una parte del nuovo programma del governo per fronteggiare una situazione che in questo momento sembra critica.

Per affrontare il problema,  Edelmira Barreria Diz, senatrice galiziana ed esperta di demografia, è stata incaricata commissario governativo con lo responsabilità di fronteggiare il preoccupante calo di nascite del paese iberico. La tendenza ad una bassa natalità è un problema di tutta l’Europa, compresa l‘Italia, ma a differenza degli altri paesi che hanno un tasso di nascite pari a quello delle morti, lo scorso anno in spagna quest’ultimo è stato più alto per la prima volta dalla seconda guerra mondiale.

Secondo la senatrice Diz il problema principale è che le donne spagnole sono in media le più anziane d’Europa a rimanere incinta (sembra che l’età media in cui una donna spagnola partorisce è di 32 anni), un problema causato principalmente dalla grave crisi economica in cui versa la Spagna che non permette alle donne di rendersi economicamente indipendenti. Sulla bassa natalità si è espresso anche il ministro dell’educazione, il quale sostiene che questa potrebbe influire ulteriormente sulla crisi economica del paese.