Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Fatima Sergio, le motivazioni della sentenza: voleva compiere attentati assieme alla sua famiglia

CONDIVIDI

E’ arrivata la motivazione della condanna in Corte d’Assise per Mara Giulia ‘Fatima’ Sergio, la donna convertita all’islam e votata al terrorismo che è fuggita in Siria (dove si troverebbe tuttora) ed aveva tentato di inviarvi tutta la sua famiglia, che viveva ancora ad Inzago.
Secondo i giudici della Corte d’Assise la donna “fortemente determinata a dare il proprio contributo all’attuazione delle azioni terroristiche e anzi era desiderosa di compierle in prima persona, motivo per cui aveva iniziato ad addestrarsi all’uso delle armi”.

Slide della Polizia di Stato

La donna è stata condannata il 19 dicembre in contumacia a 9 anni di carcere. L’accusa è grave: terrorismo internazionale. Oggi è arrivata la motivazione della sentenza in ben 120 pagine, e soprattutto la condanna dei giudici riguarda il tentativo di proselitismo dei suoi familiari. “Venite in Siria, qui si tagliano le teste degli infedeli” diceva al telefono la donna ai familiari. Parole che non si prestavano a molte interpretazioni.

Secondo i giudici, “È a seguito delle sue insistenze e alla sua offerta di aiuto nell’organizzazione del viaggio, che (i familiari, ndr) avevano deciso di raggiungere i territori dell’Isis”.
Raggiunta su skype dal Corriere della Sera, aveva detto “Noi quando decapitiamo qualcuno, dico noi perché anche io faccio parte dello Stato islamico, quando facciamo un’azione del genere, stiamo obbedendo alla sharia”.
La donna “voleva che anche i suoi familiari rispondessero alla chiamata al jihad lanciata dai vertici dell’Is”. E se non fossero giunti in Siria, avrebbero dovuto ‘attuare il jihad in Italia’.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram