Napoli, 10 euro a testa per chi si tessera al Pd. E’ bufera, inviato un commissario

Nuovo scandalo nel Pd, questa volta a Miano, nella zona a nord di Napoli. In un video che è stato pubblicato dal giornale La Repubblica, infatti, si catturano immagini girate nell’ultimo giorno utile per il tesseramento al Partito Democratico. E si sente una donna che, all’esterno della sede del Pd, spiega come ci si tessera: “Dovete portare tessere e codice fiscale, i 10 euro ve li danno loro”.

Una sua amica aggiunge: “I 10 euro ve li darà Michel all’interno, se la vede lui”. Uno scandalo che arriva dal quartiere popolare nel nord del Napoletano.  Chi è Michel? Michel Di Prisco, l’ex vicepresidente della municipalità e rappresentante locale del Pd. L’uomo era già coinvolto in una situazione abbastanza strana, quella delle primarie del 2011 per il candidato a sindaco di Napoli, che sono state annullate perché si sospettava che extracomunitari avessero votato in cambio di pochi euro.

Nel frattempo a Castellammare di Stabia, almeno cento tessere Pd vengono pagate con la stessa carta PayPal, online. Episodi sospetti, collegati fra di loro, forse. Intanto il presidente della Commissione Congresso Pd, Lorenzo Guerni, ha annunciato che verrà inviato come osservatore Emanuele Fiano che verificare quanto accaduto. 

Gli episodi relativi al tesseramento sono di una gravità estrema in quanto inficiano il regolare svolgimento del tesseramento, uno dei momenti di massima espressione della democrazia nel Partito democratico e, allo stesso tempo, ledono pesantemente l’immagine del partito stesso. Su questa, come su tutte le altre possibili anomalie, saremo inflessibili” ha detto Graziella Pagano, commissario ed ex senatrice europarlamentare.