I Pm: “Tiziano Renzi incontrò Romeo a cena”. Si sarebbe fatto promettere 30mila euro al mese

Nuova stoccata giudiziaria su Tiziano Renzi, il padre dell’ex premier italiano Matteo Renzi. Secondo i pm, Tiziano Renzi avrebbe incontrato in una ‘cena segreta’ Alfredo Romeo e Carlo Russo all’interno di un ristorante romano.
L’imprenditore Renzi, che viene accusato dai pm di ‘sistematica opera di corruzione’, sarebbe stato assieme ai due dopo essere entrato ‘da un ingresso riservato’. Il testimone è Alfredo Mazzei, un commercialista napoletano la cui testimonianza è stata ritenuta dai pm credibile.

Egli ha spiegato ai magistrati le conversazioni avvenute fra lui e Romeo. “Romeo mi parlò di questo Carlo Russo e mi disse che era una persona che era in grado di parlare con il padre di Renzi. Io non lo conoscevo” racconta ai pm. Ma perché i tre si incontrarono in gran segreto? Secondo quanto emerge dalle testimonianze, Tiziano Renzi ‘sfruttando le relazioni esistenti tra Tiziano Renzi e Luigi Marroni’ si sarebbe fatto promettere ‘indebitamente da Alfredo Romeo’ “che agiva previo concerto con Italo Bocchino, suo consulente, utilità a contenuto economico, consistenti nell’erogazione di somme di denaro mensili, come compenso per la loro mediazione verso Marroni’.

Mediazione, risulta dall’indagine, per lo svolgimento di alcune gare. 
Ora Russo, Romeo, Tiziano Renzi e Bocchino  sono indagati per reato di concorso in tragico di influenze. Alfredo Romeo è stato arrestato dai carabinieri per un episodio di corruzione nell’inchiesta Consip. Il padre di Renzi è atteso giovedì prossimo dai magistrati.