Bruxelles, fermata auto con radicalizzato a bordo: portava due bombole di gas

Un’automobile sospetta, che a bordo aveva alcune bombole a gas, è stata intercettata e fermata dalla polizia a Saint Gilles, Bruxelles. Secondo le prime informazioni il veicolo è stato notato perché superava i semafori rossi, ed è stato fermato dalla polizia. Nonappena le forze dell’ordine si sono rese conto del fatto che c’erano bombole sulla macchina, hanno richiesto l’evacuazione della zona e la chiusura della metropolitana. Sono intervenuti anche gli artificieri, come si legge su alcuni siti e giornali online.

Alla guida del veicolo c’era un uomo che era stato condannato a cinque anni per terrorismo. Sarebbe un amico di Njim Laachraoui, il kamikaze che il 22 marzo 2016 si è fatto saltare in aria nell’aeroporto Zaventeme a Bruxelles, causando la morte di molte persone, nonché artificiere degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015.

L’uomo era sospettato di far parte di un’organizzazione terroristica e per questo nel 2016 era stato condannato a cinque anni di carcere nel processo sulla filiera Zerkani, collegata al reclutamento di combattenti in Siria. La procura di Bruxelles ha fatto sapere che una bombola era vuota ed una piena ma non collegata ad alcun detonatore nè ad esplosivi. E’ stato quindi rimosso il perimetro di sicurezza che era stato creato nella zona.