4 Marzo 2017: si festeggia San Casimiro di Cracovia

Il 4 Marzo la Chiesa Cattolica venera San Casimiro di Cracovia, patrono della Polonia e della Lituania.

Figlio del re di Polonia Casimiro IV e della regina Elisabetta d’Austria, e appartenente alla dinastia degli Jagelloni, di origine lituana, Casimiro nacque a Cracovia il 3 Ottobre 1485.

Dall’età di nove anni fu educato dallo storiografo e canonico di Cracovia Giovanni Dlugosz e da Filippo Buonaccorsi (conosciuto anche come Callimachus), umanista e scrittore italiano naturalizzato in Polonia.

A quindici anni circa, al fine di deporre Mattia Corvino, gli fu offerto il trono d’Ungheria ma, sebbene in un primo momento avesse accolto l’offerta con favore, rinunciò all’incarico e fece ritorno a Cracovia, dove divenne l’erede designato al trono di Polonia.

Soprannominato dai suoi compatrioti “uomo di pace” e “difensore dei poveri”, il principe non ambiva a posizioni di governo e preferiva piuttosto adoperarsi in favore dei poveri, degli oppressi, dei pellegrini e dei prigionieri.

Volle restare celibe e rifiutò il matrimonio con la figlia di Federico III, propostogli dal padre per allargare i confini del regno; per il suo carattere mite e umile e per la sua grande devozione religiosa, preferì ritirarsi dalla vita di corte e votare la sua esistenza a Dio.

Per via del suo ideale ascetico, Casimiro si esponeva a severi e prolungati digiuni, cosicché si ammalò di tubercolosi quindi, il 4 marzo 1484, durante un viaggio in Lituania, morì nella città di Hrodna.

Il suo corpo fu seppellito nella cattedrale di Vilnius e i funerali celebrati in pompa magna.

I suoi resti sono attualmente conservati in una cappella della Cattedrale di San Stanislao nella capitale lituana.

Alcuni resti del santo si conservano anche a Firenze, nella Basilica di San Lorenzo.

San Casimiro fu canonizzato da Papa Leone X nel 1521.

MDM