Amanda Lear si racconta, tra Donald Trump, Salvador Dalì e Berlusconi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:20

In una interessante lunga intervista pubblicata da ‘Il Giorno’ e rilanciata da da Dagospia, la showgirl Amanda Lear s’è raccontata a 360°, parlando delle proprie esperienze professionali e del proprio rapporto con personaggi di primo piano della società mondiale, da Donald Trump a Silvio Berlusconi, passando ovviamente per Salvador Dalì.

La Lear, infatti, è nota per essere stata la musa del grande pittore catalana. Ed in tal senso la Lear ha raccontato un aneddoto prudereccio, che vede coinvolto anche un altro enorme dell’arte internazionale, il malagueño Pablo Picasso: “Dalì era amico di Picasso, fin da quando da giovani vivevano a Barcellona e frequentavano insieme i bordelli della città. Ed erano rimasti amici anche quando Picasso era diventato comunista e Dalì era rimasto monarchico. Ogni anno si scrivevano una cartolina. Una volta dovevamo andare a New York in nave, perché Dalì non voleva volare, ed eravamo a Cannes. Gli ho detto: ma sai che Picasso abita qui vicino? Così Salvador gli ha telefonato. Era molto tempo che non si vedevano, e Picasso ci ha invitato a prendere un tè. Io ero eccitatissima, coronavo il sogno della mia vita – avrò avuto 18 o 19 anni. Poi però c’ è stato un sabotaggio da entrambe le parti: Dalì aveva paura che Pablo lo prendesse in giro perché aveva perso i capelli, e forse Picasso temeva i giudizi dell’ amico. Insomma, non se ne è fatto niente. Ma la telefonata la ricordo bene: avevo immaginato che parlassero di pop art, di Andy Warhol, dell’ evoluzione dell’ arte moderna, invece parlavano soltanto di caz… e cu… Si chiedevano l’ un l’ altro se riuscivano ancora a eccitarsi… chi l’ avrebbe detto?“.

Ma gli aneddoti ‘hot’, non finiscono qui: sentite cosa dice Amanda Lear del Presidente americano Doandl Trump: “A una cena avevo conosciuto Ivana Trump, che cercava di convincermi a esporre i miei quadri a Maralago, una residenza di Donald Trump in Florida. Ma io trovavo Trump molto rozzo, molto grossier, per carità!, non avrei mai esposto i miei quadri da lui. Ivana però mi ha anche raccontato che, quando era sposata con lui, prima di fare l’ amore Donald metteva sul giradischi la mia Follow me. Quella voce così bassa e sexy lo arrapava tantissimo. Pensi che responsabilità!”.

Quindi, su Berlusconi, la Lear ha raccontato il suo rapporto con l’ex Premier, per cui iniziò a lavorare nel 1984 conducendo ‘W le donne’: “Tra le ballerine c’ era Sabrina Salerno. Si diceva che lei gli piacesse molto. Per fortuna io, così alta, bionda, magra, piatta, non ero il suo tipo. Infatti siamo sempre andati d’ accordissimo“.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!