E’ stato omicidio-suicidio: la verità sulla morte di Antonio Facchin e Vanna Meggiolaro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:57

Una telefonata decisiva per risalire alle cause di un doppio decesso. E’ quella recuperata dagli investigatori che indagano sul caso della morte, a causa di un incidente stradale, di Antonio Facchin e Vanna Meggiolaro. Secondo la procura dietro al sinistro vi sarebbe un drammatico retroscena: si sarebbe infatti trattato di omicidio-sucidio ad opera di Facchin, il quale avrebbe provocato lo schianto costato la vita a lui e alla moglie.

Mi ammazza, questo vuole che ci ammazziamo..!” è il terribile audio della telefonata, come riferito dall’Ansa e che avvalora l’ipotesi dell‘omicidio-sucidio, unito al fatto che sull’asfalto non soo stati rinvenuti segni di frenata. Sulla vicenda la Procura di Vicenza ha aperto un fascicolo per omicidio volontario, subito chiuso per morte del reo. Si tratta di un drammatico colpo di scena, dopo la notizia dell’incidente avvenuto lo scorso martedì a Gambellara, costato la vita al 54enne e alla moglie 50enne. Secondo la ricostruzione Facchin avrebbe deviato volontariamente la corsa dell’auto andando volutamente a schiantarsi contro un tir. Il movente? l’insormontabile difficoltà nel riuscire ad accettare la separazione che a breve i due avrebbero dovuto firmare.

Daniele Orlandi

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!