Egitto: scoperta un’imponente statua di Ramses II ad El-matariya

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:55

Un equipe di archeologi mista formata da studiosi egiziani e tedeschi ha riportato alla luce un’enorme statua raffigurante il famoso imperatore Ramses II. L’importante scoperta archeologica è stata fatta nei pressi dei sobborghi di El Cairo, per la precisione ad El-Matariya (dove si trovano le rovine di Eliopoli), si tratta di una statua colossale (circa 8 metri) composta interamente di quarzite. Nonostante la statua abbia oltre 1200 anni si è preservata in ottime condizioni, gli archeologi l’hanno trovata divisa in grandi blocchi (possibilmente è crollata a causa di un terremoto), ma ognuno di essi era conservato in ottimo stato.

L’importante scoperta è stata condivisa con la stampa dal Ministro delle AntichitàKhaled al-Anani, il quale all’agenzia ‘Reuters‘ ha detto: “Abbiamo visto il busto e una parte della testa, poi la corona e ancora un frammento dell’orecchio e dell’occhio destro”, e successivamente ha aggiunto: “Si tratta di una delle più importanti scoperte del Paese”.

Il ritrovamento della statua ha infatti oscurato, quello delle 66 statue raffiguranti la dea Sekmeth ritrovate pochi giorni fa nei pressi della tomba del Faraone Amenofi III. Gli studiosi credono che si tratti di monumenti facenti parte di un tempio dedicato alla dea ed eretto allo scopo di proteggere il faraone nell’aldilà.