Liverpool: s’infittisce il mistero sulla morte di Daniel, trovate tracce di cocaina nel sangue

La vita di Daniel James Cunninghum è durata solo 16 giorni, il bimbo è morto durante una festa organizzata dai genitori per celebrare la sua nascita, ma nessuno dei presenti è stato in grado di spiegare le cause che hanno portato al decesso del neonato e per questo motivo è stata aperta un’inchiesta.

La tragica e misteriosa morte di Daniel è avvenuta lo scorso novembre ed oggi, dopo il risultato dell’esame tossicologico, i dubbi sulla possibile negligenza dei genitori come causa del decesso non sono stati fugati del tutto: nel sangue del neonato sono state trovate tracce di cocaina, una dose non sufficiente a causare la morte del bambino, ma che gli esperti ritengono possa comunque aver influito sullo stato di salute di Daniel. Il tossicologico ha anche evidenziato che non erano presenti altri valori fuori norma che potessero spiegare l’insorgenza di una malattia.

I medici hanno spiegato che il bambino può aver inalato involontariamente la droga se qualcuno dei presenti (non necessariamente i genitori) ne ha fatto uso nelle vicinanze, ma che questa non è stata la causa principale della morte. L’autopsia ha evidenziato una lacerazione delle pareti del fegato, un effetto collaterale di una malattia cardiopolmonare (C.P.R).