La telefonata shock al 911: ‘un treno mi ha investito, ho perso le gambe’

E’ una telefonata straziante quella di un ragazzo di 17 anni al numero dei servizi di emergenza per dire loro che un treno lo aveva investito tagliandogli le gambe. La drammatica clip audio diffusa nelle ultime ore è quella di Jacob Ohl, un giovane che stava camminando lungo i binari della ferrovia a Lilburn, in Georgia, lo scorso giovedì, quando è stato investito da un treno. Nella chiamata al 911, fatta proprio dal giovane poco dopo l’incidente, Jacob rimane estremamente calmo e risponde a tutte le domande dell’operatrice spiegando di essere stato investito da un treno e che molto probabilmente gli aveva tagliato entrambe le gambe; proprio la sua estrema calma, in una situazione così terribile, è davvero shoccante: “um, sono stato appena colpito da un treno’, dice il ragazzo nel corso della telefonata e quando l’operatrice gli chiese se sia Ok lui risponde ‘no’. Poi la donna gli domanda quali parti del corpo siano ferite e lui risponde, ‘le gambe. Credo le abbia tagliate’.

Ai paramedici accorsi sul luogo dell’incidente, il ragazzo ha detto che non aveva intenzione di farsi del male: è stato trasportato d’urgenza al Gwinnett Medical Center di Lawrenceville in condizioni stabili ed è stato sottoposto ad un primo intervento chirurgico per pulire le ferite. Mentre la polizia sta indagando sull’incidente è stata aperta una pagina GoFundMe da parte di un amico di famiglia e in pochi giorni ha raccolto oltre 31 mila sterline che serviranno per sostenere la famiglia nel pagamento delle spese mediche e gli eventuali adeguamenti, casa e strutture, delle quali potrà aver bisogno.

Anche la madre Fern ha fornito via Facebook aggiornamenti sulle condizioni del figlio: il giovane ha spiegato che stava camminando con gli auricolari e per questo non ha sentito il treno arrivare. “Si sente imbarazzato per quanto è accaduto, ha detto di aver sentito il treno che arrivava pochi istanti prima ma non ricorda esattamente se ha saltato, è caduto o è stato buttato a terra appena in tempo per sopravvivere. Jacob è scuro che il treno non abbia mai suonato il suo fischio”.

Daniele Orlandi