Milano, universitario muore affogato nel tombino: voleva recuperare le chiavi dell’auto

Una morte assurda. Non ci sono altre parole per descrivere la causa che ha portato al decesso di un giovane studente universitario milanese. Luca Adami è morto affogato nel tentativo di recuperare le chiavi della sua auto, che gli erano cadute in un tombino.

Il fatto è accaduto nella notte tra venerdì e sabato, ad Abbiategrasso. Il giovane, iscritto alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Milano, aveva passato la serata al “Castle Rock”, un pub della zona. Al momento di rincasare, Luca si è diretto verso la sua vettura, in via Santa Maria, a poca distanza dal locale. Ha estratto le chiavi della sua auto ma le stesse sono scivolate dalla sua mano e sono finite in un tombino.

Le telecamere di sorveglianza di un’abitazione della zona hanno ripreso la tragedia: Luca ha sollevato la grata del tombino, si è chinato ed ha infilato il capo nella cavità per cercare di recuperare le chiavi. Ma non è più riuscito a tirare fuori la testa dal cunicolo: è morto annegato in pochi minuti, nonostante i tentativi disperati di liberarsi dalla trappola. A dare l’allarme al 118, quando ormai non c’era più nulla da fare, due ragazzi che rientravano a casa a piedi.

Sul fondo del tombino i carabinieri hanno trovato le chiavi della sua Punto, parcheggiata a circa 200 metri.