Palermo, clochard bruciato vivo (VIDEO): è caccia agli assassini

Sono agghiaccianti le immagini che riportano l’aggressione avvenuta ai danni di un clochard in Via Cipressi, a Palermo. L’assalitore ha dapprima cosparso il corpo del clochard con del liquido infiammabile e in seguito gli ha dato fuoco. La vittima, che si chiamava Marcello Cimino, è morta avvolta tra le fiamme. Aveva 45 anni.

Dopo poche ore di indagine le forze dell’ordine non hanno più alcun dubbio: si tratta di omicidio, ed è partita la caccia all’uomo in tutta la città per dare un volto all’aggressore del povero clochard.

La tragedia si è consumata la notte scorsa, poco dopo le 24, sotto un portico della missione San Francesco. I vicini, sentendo le urla disperate dell’uomo hanno dato l’allarme ma quando sono arrivati i vigili del fuoco per Marcello Cimino non c’era più nulla da fare. Il clochard, separato con due figlie, aveva deciso di mollare tutto e vivere in strada.

A svolgere le indagini sono la polizia e il pubblico ministero di turno, la dottoressa Maria Forti che dal primo momento avevano imboccato come privilegiata la pista dell’omicidio.

In lacrime la sorella di Marcello Cimino, che chiede giustizia per il fratello assassinato: “Era una brava persona, chi lo ha ucciso non è un essere umano“.