Arezzo, giovane ritrovata morta in una villetta: è caccia a due spacciatori

La causa della morte sembrerebbe essere un cocktail di stupefacenti, ma le forze dell’ordine vogliono vederci più chiaro in merito al ritrovamento senza vita di una giovane in una villetta di Cesa, vicino Arezzo.

La ragazza è stata rinvenuta in un appartamento in affitto, nuda, con il solo asciugamano a cingerle i fianchi. La vittima non aveva ancora compiuto 20 anni, ed era nata a Sansepolcro dove viveva con il fratello e la sorella.

Come riportato dal quotidiano “La Nazione”, la ragazza si chiamava Sa-Ra Smahi ed era figlia di genitori immigrati. Divideva la casa con fratello e sorella dopo la morte dei loro genitori. La giovane, tuttavia, aveva problemi di droga: per questo era ospite di un centro di recupero a Città di Castello. Fino a giovedì, quando si è recata nell’appartamento di Cesa insieme ad un magrebino di circa 30 anni, con il quale ha preso possesso dell’abitazione, che la padrona dice di aver lasciato loro gratuitamente.

Le forze dell’ordine sono infatti alla ricerca di due spacciatori che avrebbero trascorso insieme a Sa-Ra le ultime ore di vita della giovane. L’uno e l’altro hanno alle spalle precedenti importanti per spaccio, entrambi a Campo di Marte, una delle zone più battute dai pusher nordafricani.