Roma, scontri alla Sapienza durante convegno con ministro Fedeli

E’ sfociata in disordini e tafferugli la protesta messa in campo dagli studenti della Sapienza. Nella storica università romana era in corso un convegno “Dopo la riforma: università italiana, università europea?”, promosso dall’associazione Treelle alla presenza della ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli.

Durante l’evento, diversi studenti, riuniti in corteo, hanno raggiunto il luogo dove si stava svolgendo il convegno. “Armati” di striscioni e fumogeni, gli universitari hanno chiesto di poter entrare per avere un colloquio con la ministra, ma sono stati bloccati all’ingresso dalle forze dell’ordine. Da lì la tensione si è inevitabilmente alzata, con scontri e disordini tra i contestatori e la polizia.

La questura ha comunicato che quaranta persone sono state identificate e, vagliate le loro posizioni, anche grazie alla immagini riprese dalla polizia scientifica, saranno denunciati all’autorità giudiziaria.

Tuttavia, cinque studenti sono riusciti ad entrare nella sala del convegno, e hanno preso parola contestando duramente l’intero impianto dell’evento. “Voi avete organizzato questo convegno in questo luogo senza avvisare gli studenti. Avete invitato il ministro Gelmini (non ancora presente, ndr) qui dentro”. La Fedeli ha risposto agli studenti: “C’è un convegno in corso. Se mi chiedete un incontro sui precari, lo facciamo. Prendete un appuntamento e venite al ministero“. La situazione è poi tornata alla normalità.