Sterminava i senzatetto per trasformarli in zombie: 13 anni di galera all’ex poliziotto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:06

Di giorno era un rispettabile poliziotto, tutore della legge, di notte un assassino che sembrava uscito da un film horror. La storia terribile di Arsen Bairambekov, un poliziotto di Mosca condannato a tredici anni di galera per aver ucciso sei clochard. E ancora più terrificante, se possibile, è il motivo per cui l’ha fatto: con l’intenzione di trasformarli in ‘schiavi zombie’ per l’eternità. L’uomo, 35enne, aveva ratio le vittime ad Ekaterinburg, nella regione di Sverdlovsk Oblast, poi le aveva uccise con riti occulti, nell’intenzione di trasformarli in schiavi zombie.

Il satanista, che si definiva anche ‘esperto di magia nera’, ha confessato i suoi terribili omicidi, commessi a Ganya’s Bit, una zona vicino al luogo del massacro della famiglia dello zar Nicola II, avvenuta nel 1918. La polizia era stata allertata da una soffiata anonima ed aveva scoperto la terrificante verità sul serial killer che era un poliziotto. La polizia ha avviato quindi l’indagine, raccolto le prove ed addirittura le vanterie del satanismo.

L’uomo aveva ammesso tutti gli omicidi e molti sostenevano che sarebbe riuscito a sfuggire al carcere perché avrebbe giocato la carta dell’infermità mentale. Ma secondo gli psichiatri il poliziotto era abbastanza lucido da sapere che cosa stava facendo, ed avrebbe calcolato tutto alla perfezione. Non scapperà, quindi, alla giusta condanna: 13 anni di galera ed il risarcimento alle famiglie delle vittime.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!