Vigevano, bloccata la baby gang che picchiava e terrorizza i coetanei: 4 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:33

Un orrore difficile da immaginare, perché perpetrato da minorenni al danno di altri minorenni. I Carabinieri di Vigevano, provincia di Pavia, hanno sgominato la ‘baby gang’ della stazione ferroviaria: un gruppetto di bulli di 15 anni che violentavano e picchiavano i loro coetanei. 4 sono gli arresti portati a termine, sei le denunce.

Il gruppetto di divertiva a molestare pesantemente altri minorenni, diffondendo poi le violenze sui social e sulle chat di messaggistica come ‘emblema’ di forza. Il bersaglio preferito del gruppo di bulli era u 15enne particolarmente fragile, che faceva tutto per essere accettato. Veniva fatto ubriacare, molestato, portato in giro come un cane al guinzaglio. Le terribili violenze sono state riprese dai telefonini, e quindi diffuse fra amici.

I Carabinieri hanno ottenuto tutto il materiale ed arrestato 4 ragazzini, condotti al Beccaria di Milano, con accuse di concorso in violenza sessuale alla riduzione in schiavitù, pornografia minorile (per la diffusione delle immagini), violenza privata aggravata mediante lo stato di incapacità procurato alla vittima. Oltre ai 4 arrestati c’era anche un 13enne, non imputabile perché sotto l’età legale (14 anni) la cui posizione adesso è al vaglio degli inquirenti. Il gruppetto aveva anche danneggiato treni ed altri beni in luoghi pubblici, per cui dovrà rispondere anche di ciò.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!