USA: aggredita mentre fa jogging, si rivolta e massacra lo stupratore

Kelly Herron, una donna statunitense di 36 anni, è diventata un vero e proprio fenomeno del web dopo che la sua ‘impresa’ è diventata nota. La donna ha denunciato pubblicamente su Instagram un’aggressione della quale è stata vittima mentre si trovava a Seattle due settimane fa, e stava uscendo da un parco. La donna si era fermata per una pausa nei bagni pubblici quando un uomo, uscito da una macchina, l’ha aggredita per violentarla.

Probabilmente pensava di aver davanti una preda facile, ma così non è stato. La donna, infatti, aveva seguito un corso di autodifesa e non si è certo fatta mettere sotto dall’aggressore. È riuscita a picchiarlo, graffiarlo, e l’ha bloccato nel bagno finché è arrivata la polizia. “Il mio più grande incubo è divenuto realtà Domenica pomeriggio, uscita dal bagno sono stata aggredita da un uomo nascosto. Ho combattuto per la mia vita urlando, graffiandogli la faccia, e cercando disperatamente di sfuggire alla sua presa”.

“Sono stata in grado di bloccarlo nel bagno fino all’arrivo della polizia. Per fortuna ho fatto un corso di autodifesa offerto dal mio lavoro e l’ho utilizzato tutto. La mia faccia è ferita, il mio corpo è pieno di lividi, ma il mio spirito è intatto” ha scritto la donna su Instagram, correlando il post anche di foto che dimostrano cosa è avvenuto.