Fingeva di avere il cancro per vendere il suo libro, blogger australiana condannata

È stata condannata dalla Corte Federale Belle Gibson, una blogger che aveva sostenuto, falsamente, di essere malata di cancro. La pena per lei ancora non è stata stabilita. La condanna è stata sancita per aver ingannato il pubblico. La donna, 26 anni, era diventata famosa per avere pubblicato un libro di ricette e aver creato un’app, dopo aver diffuso la falsa notizia di essere malata di cancro e di curarsi con terapie alternative.

Belle Gibson sosteneva che all’età di 20 anni, nel 1999, le era stato diagnosticato un cancro. Peccato che lei fosse nata nel 1991 e quindi nel ’99 non potesse avere 20 anni. Nel 2013 aveva cominciato a diffondere la falsa storia della sua malattia, che, sosteneva, combatteva assieme ai rimedi naturali e rifiutando ogni tipologia di farmaci e ‘medicina ufficiale’. Aveva pubblicato un libro ed una app che si occupavano proprio di diffondere ricette salutari e dal supposto valore ‘terapeutico’, ingannando così anche tanti pazienti che la seguivano.

E non solo, aveva sostenuto che parte dei proventi sarebbero stati devoluti ad associazioni benefiche per malati, non meglio specificate. Peccato che la Gibson non aveva donato neppure un centesimo dei 300mila dollari australiani che aveva promesso di dare in beneficienza. Ora ha dovuto pagare una multa, ed ha perso tantissimi fan per aver mentito in maniera così irrispettosa.