Crotone, omicidio Antonella Lettieri, arrestato presunto omicida: la folla cerca di linciarlo

I carabinieri del Comando provinciale di Crotone hanno messo in stato di fermo un uomo, Salvatore Fuscaldo, 50 anni, come uomo ritenuto responsabile dell’omicidio di Antonella Lettieri, la commessa 42enne trovata in un lago di sangue a Cirò Marina (Crotone) la sera dell’8 marzo. Il corpo della donna era stato trovato la mattina seguente dal cognato, che si era recato a casa sua perché la donna non era andata al lavoro, ed era preoccupato.

La donna indossava ancora il giubbotto e vicino a lei c’era il suo cellulare, a terra. Lei era morta la sera precedente. L’uomo, bracciante agricolo della zona e marito di un’amica della vittima, adesso deve rispondere di omicidio pluriaggravato. Secondo le prime informazioni, l’arresto sarebbe dovuto all’emergere di nuovi indizi dopo il lavoro dei RIS. La gente, al momento dell’arresto, ha cercato di linciare l’uomo, insultandolo e cercando di aggredirlo.

Decine di persone hanno cercato di strapparlo fuori dall’auto dei carabinieri. Sarebbe stato trovato del suo Dna sulla scena del delitto. La 42enne, che viveva da sola, era stata colpita con violenza alla testa. Il presunto movente dell’omicidio sarebbe di natura economica. L’uomo, fin da subito interrogato e sospettato, si era avvalso della facoltà di non rispondere.