Italia, il morbillo torna: +230% dei casi. Colpa della mancanza di vaccini: è ora di renderli obbligatori

In Italia stanno crollando i vaccini contro il morbillo, e la risposta è una recrudescenza dei casi di questa malattia: +230% di casi di morbillo. I dati sono forniti dal Ministero: ci sono stati 700 casi di morbillo in due mesi, contro gli 844 casi solamente nello scorso anno. La riduzione dei bambini vaccinati è colpa delle fandonie anti vaccini che stanno circolando sempre con più insistenza,

Il virus del morbillo, o Paramyxovirus, ha una capacità di diffusione altissima ed un tasso di contagio quattro volte maggiore di quello dell’influenza. La scienza avverte: il morbillo non è per nulla debellato e non è facile liberarsene un’altra volta. Tutto parte dalla bufala scientifica di Andrew Wakefield, un ex medico che pubblicò una ricerca dove sottolineava la correlazione fra autismo e vaccino trivalente.

Ma nonostante si dimostrò che si trattasse di una bufala e l’uomo venisse radiato dall’ordine dei medici, oggi come oggi ci sono ancora tanti scettici. E il pericolo che il morbillo si diffonda è alto: se il livello di vaccinazione scende sotto il 95%, potrebbe colpire ancora diverse fasce della popolazione. I bambini, a scuola, sono molto a rischio. Per questo motivo molti pensano che serva una vaccinazione obbligatoria, condicio sine qua non dell’iscrizione a scuola.