Sondaggi, il Movimento 5 Stelle vola: 32%, PD staccato di 5 punti

Nonostante le ultime polemiche che hanno investito il Movimento 5 Stelle, la formazione politica del leader Beppe Grillo sembra non pagare dazio in termini elettorali. Anzi.

Stando agli ultimi rilevamenti effettuati da Ipsos per il Corriere della Sera, se si andasse alle urne oggi il M5S sarebbe largamente il primo partito del paese, con il 32% delle preferenze. Un dato che dimostra come le vicende romane, con i tanti problemi anche giudiziari a cui deve far fronte il sindaco Virginia Raggi, e quelle genovesi, con la base che si è ribellata al “niet” imposto da Grillo nei confronti della candidata sindaco Cassimatis, non abbiamo minimamente intaccato l’elettorato del Movimento. Che addirittura aumenta la forbice nei confronti della seconda forza politica, ovvero il Partito Democratico: i punti di distacco sarebbero ora cinque, con il PD fermo al 27%.

Chiaramente, nel PD pesa la scissione operata da Bersani e D’Alema con la nascita di “Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti” ma anche il caso Consip, che vede tra gli indagati il ministro dello Sport, Luca Lotti, e il padre dell’ex premier Matteo Renzi.

Nessuna variazione di rilievo nel centrodestra, con Forza Italia e Lega Nord che ondeggiano tra il 12 e il 13%. Alternativa Popolare, nata dalle ceneri di NCD, raccoglierebbe invece il 2,8%.