Torino, scoperto il macello abusivo degli orrori: ovini scuoiati e sacchi con organi di animali

Ovini scuoiati, senza interiora, sacchi riempiti con organi di animali, forse destinati a smaltimento illecito. Questo è quello che i carabinieri, questa mattina, hanno scoperto nella cascina Front Canavese, nel torinese. La cascina apparterebbe ad un allevatore 37enne, che ora è stato denunciato. L’uomo usava la struttura come mattatoio abusivo, in condizioni igieniche deplorevoli. Sono state sequestrate dal mattatoio delle seghe elettriche, corna di animali, ganci meccanici, marchi auricolari dei quali non si conosce la provenienza, carne congelata, medicinali scaduti, fra i quali anche cortisone.

Nel freezer c’erano quintali di carne congelata. Le indagini delle forze dell’ordine sono scattate dopo che è avvenuta una denuncia dell’Eital, Ente Italiano Tutela Animali e Legalità. Secondo le informazioni ricavati, l’uomo vendeva gli ovini a 130 euro l’uno per essere macellati. Nel locale si trovavano capi di ovini appesi a ganci, senza peli e senza interiora, pronte per essere vendute.

Nel furgoncino sono stati trovati corpi di agnellini e di capretti, la cui destinazione ancora è ignota. L’uomo è stato denunciato per reati di macellazione abusiva e di violazione delle norme igienico e sanitarie, nonché maltrattamento di animali. L’attività in questione è stata ripresa dall’inviato di “Striscia la Notizia” Edoardo Stoppa che da anni collabora con EITAL, e la cui puntata sarà presto trasmessa in onda.