24 Marzo 2017: si festeggia Santa Caterina di Svezia

Il 24 Marzo la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica di Santa Caterina di Svezia.

Secondogenita di santa Brigida di Svezia – grande mistica svedese che segnò la storia, la vita e la letteratura del Paese scandinavo -, Katarina Ulfsdotter nacque nel 1331 circa e in giovanissima età, suo malgrado, sposò il nobile Edgarvon Kyren convincendolo a fare voto di castità.

A 19 anni raggiunse la madre a Roma, partecipando alla sua intensa vita religiosa e ai suoi pellegrinaggi.

Mentre si trovava nella città capitolina, in occasione delle celebrazioni dell’Anno Santo, lo sposo di Caterina morì.

Nel 1373, morta anche la madre, Caterina ne riportò in patria la salma e, nel 1375, entrò nel monastero di Vadstena  – che accoglieva separatamente uomini e donne sotto una regola di vita religiosa ispirata al modello di San Bernardo di Chiaravalle -, di cui, nel 1380, divenne badessa.

Secondo la tradizione, Caterina avrebbe salvato miracolosamente Roma dalla piena del Tevere, dove si era recata per assistere alla canonizzazione della madre.

Morì il 24 marzo 1381 e fu proclamata santa da papa Innocenzo VIII nel 1484.

Santa Caterina viene spesso rappresentata accanto a un cervo che, secondo la leggenda,  sarebbe comparso misteriosamente per trarla in salvo in più circostanze avverse.

L’episodio del salvataggio della città eterna è invece raffigurato in un dipinto conservato nella cappella a lei dedicata nell’abitazione di piazza Farnese.

MDM