Attacco terroristico: Downing Street, Facebook e Google contrastino l’estremismo online

Downing Street ha invitato Facebook e Google ad intervenire per sradicare la propaganda estremista, in seguito all’attacco terristico avvenuto sul Westminster Bridge di Londra, in seguito al quale sono morte quattro persone, una delle quali era un’agente di guardia all’ingresso del Parlamento. Il portavoce di theresa May ha dichiarato che i giganti tecnologici, utilizzati da milioni di smartphone-dipendenti inglesi, “possono e devono fare di più”. “Le società di social media hanno una responsabilità quando si tratta di fare in modo che questo materiale non venga diffuso e noi siamo stati ripetutamente chiari sul fatto che possono e devono fare di più”, ha sottolineato il portavoce ai giornalisti. “Parliamo sempre di come riuscire a raggiungere questo obiettivo. Ora la palla è nelle loro mani, vedremo come risponderanno”.

L’attacco terroristico di mercoledì, nel quale Khalid Masood a bordo di un’auto ha investito decine di persone e ne ha uccise quattro, ha sollevato nuove domande su come e dove gli inglesi siano radicalizzati. Downing Street non ha confermato se la propaganda online abbia giocato un ruolo di primaria importanza nella radicalizzazione di Masood, nato proprio in Uk, nel Kent.

Daniele Orlandi