Isis, fotomontaggio con Westminster e il duomo di Milano: “Fai la tua jihad in Europa”

Dopo l’attentato contro Westminster è sempre più diffusa la credenza che, passando da Nizza sino Berlino, si stia assistendo ad un’evoluzione del concetto di jihad, sempre più praticabile con mezzi rudimentali ed attuabile da quelli che vengono notoriamente definiti “cani sciolti”.

Una trasformazione che nasce dalla constatazione lapalissiana che, mentre un vero e proprio commando ha possibilità molto più alte di essere intercettato e neutralizzato, un singolo individuo, non necessariamente addestrato in alcun tipo di campo mediorientale, possa raggiungere molto più facilmente il suo scopo. E’ la “car jihad”, la tendenza, insomma, a compiere azioni eclatanti e di ampio impatto usando dei semplici mezzi come le autovetture, follemente lanciate in corsa contro gli ignari passanti. E di questo passaggio se n’è accorto anche lo Stato Islamico, il mandante “ideologico” di questa logorante guerra che sta mettendo a dura prova il sangue freddo di buona parte dell’Europa. Così, immediatamente dopo l’attentato londinese, in rete ha iniziato a circolare un’immagine che inciterebbe i lupi solitari a scendere in campo.

Nel fotomontaggio si vede infatti il Parlamento inglese immortalato nei minuti successivi all’attentato, quando il suv dell’attentatore aveva appena interrotto la sua corsa. Accanto ad esso, in secondo piano, il Duomo di Milano e sullo sfondo una luna nel cui perimetro svetta l’immagine del kamikaze mentre viene soccorso dai sanitari. In calce a questo affresco minaccioso una scritta tenta di accendere gli animi dei simpatizzanti della Guerra Santa: “Do your jihad even while you are in Europe”, dice il manifesto propagandistico. “Fai la tua jihad anche mentre sei in Europa”, quindi, così come vorrebbero i propugnatori di questa guerra senza quartiere che sta cambiando, irrimediabilmente, il nostro modo di intendere la convivenza e la sicurezza.