L’ex marito di Gina Lollobrigida non l’ha truffata: assolto dal tribunale

Assolto da ogni accusa. E’ questa la decisione dell’ottava sezione del tribunale di Roma, presieduta da Paola Roja, che si è espressa in merito alle accuse di truffa avanzate dall’attrice Gina Lollobrigida nei confronti dell’ex marito, il 46enne Javier Rigau. La Lollobrigida lo aveva sposato nel 2010 in Spagna, per poi ratificare le nozze davanti ad un notaio romano, ma secondo i legali dell’attrice in tale occasione vi sarebbe stato il raggiro da parte di Rigau. Secondo il tribunale non è così e, dopo la ricostruzione dei fatti è arrivata la decisione, ovvero assolvere il catalano 46enne dall’accusa di truffa.

Il pm Claudia Terracina, in occasione dell’udienza del 19 settembre scorso, aveva spiegato e motivato i retroscena delle nozze e chiesto per l’imputato una condanna ad otto mesi: “Gina Lollobrigida – ha sottolineato – voleva un uomo che si prendesse cura di lei e per questo aveva progettato di sposarsi a New York nell’ambito di una sorta di operazione ‘rilancio’ della propria immagine pubblica”. L’interesse dell’imputato  era acquisire lo status di coniuge per puntare all’immenso patrimonio della Lollobrigida, molto appetibile anche per una persona abbiente come Rigau”. Così non è stato: secondo il tribunale il fatto non sussite e per questo Rigau è stato assolto.

Daniele Orlandi