27 Marzo 2017: si festeggia San Ruperto di Salisburgo

Il 27 Marzo la Chiesa Cattolica celebra il dies natalis di San Ruperto vescovo di Salisburgo.

Originario dell’Irlanda, Ruperto era discendente del casato dei Rupertini, a loro volta imparentati coi Carolingi.

Dopo aver ricevuto a Worms una formazione monastica irlandese, intorno al 700, Ruperto si stabilì in Baviera dove si dedicò alla predicazione e alla testimonianza monastica itinerante, fino a raggiungendo anche Ratisbona e Lorch.

Qui, con l’appoggio del duca Teodone II di Baviera, Ruperto fondò prima una chiesa dedicata a San Pietro sul lago Waller e poi un monastero sul fiume Salzach, nei pressi dell’antica città romana di Juvavum.

Questo monastero divenne il nucleo originario della nuova Salisburgo («la città del sale», per via delle vicine miniere di salgemma), che lo riconosce non solo come primo vescovo ma anche come patrono e rifondatore.

Nei pressi del monastero maschile sorse anche quello femminile, l’Abbazia di Nonnberg, retto dalla nipote di Ruperto, la badessa santa Erentrude.

Morì il 27 Marzo, il giorno di Pasqua del 718. Le sue reliquie sono conservate nella cattedrale di Salisburgo edificata nel XVII secolo.

Nell’iconografia San Ruperto, viene rappresentato con una saliera in mano, o con un barile, ricolmo appunto di sale.

MDM