Alaska: violento terremoto di magnitudo 6.3 ha scosso le Isole Aleutine

Poco più di due ore fa è stato registrato un violento sisma a largo della costa dell’Alaska, nei pressi delle Aleutian Island. I dati sismici sono stati trascritti sul sito ufficiale dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) presso la sede centrale di Roma: si tratta di un sisma con magnitudo superiore a 6 il cui impatto focale supera i 30 km ed è stato dunque avvertito in tutto il territorio circostante.

I dati ufficiali registrati dall’US Geological Survey confermano che il sisma avvertito alle 13:10 (ora italiana) ha avuto una magnitudo di 6.3 sulla scala richter, ma che grazie alla grande profondità dell’ipocentro (oltre 20 km) non ci sono stati danni alle abitazioni ed alle persone. Il centro sismico americano ha comunque lanciato l’allerta alla protezione civile affinché siano pronti a monitorare la situazione nelle prossime ore: il sisma, infatti, è avvenuto a largo del mare di Bering e la violenza della scossa potrebbe causare una violenta onda anomala (tsunami) che potrebbe causare molte vittime nelle isole che ospitano circa 10.000 persone, senza contare che nelle Near Island (arcipelago vicino all’epicentro del sisma) ne abitano altre 50.000.

Us Geological Survey provvederà a monitorare la situazione nei prossimi giorni per poter escludere il rischio di uno tsunami fatale come quello del 1946 quando un terremoto di magnitudo 8.6 uccise 170 persone e causò danni per 26 milioni di dollari.