Attacco di Londra, per Scotland Yard “nessun legame di Masood con l’ISIS”

Nessun legame con l’ISIS. Le indagini su Khaled Masood, l’attentatore di Westminster, non hanno fatto emergere alcun rapporto diretto con lo Stato Islamico, nonostante i jihadisti abbiano dapprima esultato per l’attacco e poi rivendicato il tutto sui propri profili.

Scotland Yard si dice certa che Masood non abbia avuto alcun contatto nè con l’ISIS nè tantomeno con Al Qaeda. I vertici della polizia di Londra hanno successivamente aggiunto che l’uomo, rimasto poi ucciso negli scontri seguiti all’attacco, non era stato radicalizzato nemmeno quando era rimasto per un certo periodo di tempo in carcere, nel 2003. La polizia londinese spiega che Masood aveva solo “un generico interesse per la Jihad”.

A chiarire alcuni aspetti ci ha pensato il vicecommissario Neil Basu, coordinatore nazionale delle politiche antiterrorismo: “I suoi metodi d’attacco sembrano basati su un basso grado di sofisticazione, tecniche a basso costo copiate da altri attacchi e un’eco della retorica dei leader dell’Isis in termini di metodologia e di attacchi a polizia e civili, ma in questa fase non ho prove che ne abbia parlato con altri”.

L’attacco perpetrato da Khalid Masood a Westminster ha causato la morte di tre persone, falciate con l’auto dall’attentatore, e di un poliziotto, accoltellato a morte dal killer.