Caso Mccann: l’ispettore Edgar è sicuro: “Maddie è viva ed è tenuta prigioniera”

Ci sono novità sul caso Madeleine McCann, la bambina scomparsa nel 2007 in Portogallo mentre era in viaggio con i genitori. In questi dieci anni la ricerca dei due coniugi McCann non si è mai arrestata, così come l’impegno della polizia britannica in collaborazione con quella portoghese e quella americana. Sin dai primi momenti dell’indagine, infatti, si è pensato che qualcuno avesse visto la bambina da sola e l’avesse convinta a seguirlo per poi rapirla, e negli anni successivi sono state numerose le segnalazioni che avrebbero dovuto condurre al luogo di prigionia di Maddie, ma alla fine si sono rivelate tutte piste fasulle.

Da oltre tre anni l’indagine è passata al procuratore Dave Edgar, questo in un’intervista recente ha dichiarato che, a differenza di quello che pensano molti, la bambina sarebbe ancora viva e che il rapitore recentemente si sarebbe tradito con dei confidenti che hanno rivelato le loro supposizioni con la polizia portoghese. L’ispettore ha aggiunto ai microfoni di ‘Metro.co.uk‘ che i confidenti si devono fare avanti e confessare tutto quello che sanno, poiché il cerchio si sta stringendo e presto Maddie potrebbe fare ritorno a casa.

Secondo Edgar l’ipotesi di un rapimento e di una prigionia in un locale sotterraneo sarebbe confermata dalla scarsezza degli indizi e delle informazioni ottenute sinora, nel caso di una morte ci sarebbero stati molti più indizi.