Jermain Defoe e Bradley Lowry, l’abbraccio che ha conquistato il mondo

In questo fine settimana di nazionale a fare sensazione non sono stati i risultati sul campo o le giocate straordinarie di qualche top player, bensì la storia del piccolo Bradley Lowry, 5 anni malato terminale di cancro (il piccolo ha una rara forma di neuroblastoma). Il bambino aveva commosso il web nei giorni precedenti a questo turno di qualificazioni europee, quando in un video girato dalla madre esultava per aver avuto la possibilità di scendere in campo con la nazionale inglese durante il match contro la Lituania.

Bradley, tifoso del Barcellona e del Sunderland, aveva conosciuto qualche mese fa il centravanti dei ‘Black cats‘ e della nazionale dei tre leoni, Jermain Defoe, mentre era ricoverato al reparto di oncologia pediatrica. Quel giorno il fuoriclasse inglese gli aveva concesso un autografo ed un selfie e gli aveva promesso che un giorno sarebbe sceso in campo insieme a lui durante una partita della nazionale. Promessa mantenuta Bradley è entrato in campo mano nella mano con il suo idolo catturando la simpatia di tutti i calciatori presenti e quella degli spettatori che, conosciuta la sua triste storia, hanno postato il video di quel momento speciale su internet con tanto di commenti di solidarietà.

Il momento più toccante è stato quando Bradley durante ‘God Save the Queen‘ si è commosso ed ha chiesto un abbraccio a Defoe, questo con grande sensibilità si è chinato ed ha stretto a se il suo fan ed amico suscitando la commozione di tutto il mondo. L’attaccante del Sunderland è stato anche l’assoluto protagonista della gara con una prestazione eccellente ed un bel gol che ha sbloccato il risultato portando l’Inghilterra al primo posto del girone.