Roma, accoltella la madre e la mura in un intercapedine. Poi chiama il 112

Si è scagliato contro sua madre colpendola più volte con un coltello. In seguito, l’ha murata in un intercapedine all’interno di una villa immersa nel verde della zona residenziale alle porte di Roma.

E’ agghiacciante la storia che proviene dalla Capitale, dove un cinquantunenne con disturbi psichici è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio. E’ stato lui stesso a chiamare le forze dell’ordine dopo aver compiuto il folle gesto.

Il tutto è accaduto martedì mattina in via Amipsia, a Casal Palocco, dove Gianluca Sari, 51 anni, ha inferto diverse coltellate sul corpo di sua madre. Ad oggi, non è ancora chiaro se la donna fosse già morta quando il figlio ha deciso di murarla nell’intercapedine all’interno della villa. Ciò che è noto è che il 51enne soffriva di disturbi psichici: il medico legale sta appurando l’ora esatta dell’omicidio e il numero delle ferite riportate.

La mamma, Maria Grazia Cornero di 79 anni, era nata ad Alessandria ed era un’insegnante in pensione. Dalle prime testimonianze raccolte tra i vicini di casa è venuto fuori che Gianluca Sari era “una persona gentile e sempre in compagnia di Luna, la sua cagnetta nera”; tuttavia, il 51enne soffriva di disturbi psichici tali da rendere necessario il ricovero in diverse occasioni.