Dopo l’ischemia Al Bano si confessa: “Nelle sere più nere sento la presenza tangibile di Satana”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:53

Dopo le ultime disavventure, Al Bano è tornato a casa con l’obbligo di riposarsi e tutelare la propria salute. Il cantante pugliese aveva già subito un attacco cardiaco lo scorso dicembre, ma la sua etica del lavoro lo aveva portato a non prendersi nemmeno un mese di riposo per partecipare al Festival di Sanremo, dove già appariva in precarie condizioni di salute.

L’ischemia che lo ha costretto nuovamente al ricovero in ospedale è stato il colpo di grazia che lo ha convinto a concedersi il meritato riposo ed interrompere il tour in giro per l’Italia. Intervistato dal settimanale ‘Oggi‘ Al Bano ha parlato di questo periodo spiegando come sia causato da anni di intenso lavoro senza il necessario riposo: “Il mio corpo mi ha presentato il conto, tutto insieme. Ora sto bene, in veloce recupero. Non avevo mai avuto segnali che qualcosa non andasse, quella che mi ha colpito in questi mesi è stata una tempesta perfetta, violenta e inaspettata”.

Il cantante ha poi parlato del suo rapporto con la fede e con Satana, ammettendo di essersi allontanato dalla fede quando la figlia Ylenia è scomparsa: “Era tutto così ingiusto, troppo grande il dolore. Mi sono allontanato da Dio”, ma quel periodo lo ha reso consapevole di due cose, la prima che essere lontano da Dio gli causava un doppio dolore la seconda che Satana non solo è presente ma molto influente: “Nelle ore più nere mi è capitato di sentire la presenza di Satana, tangibile. Ogni volta, per difendermi, iniziavo a segnarmi con la croce e pregare, finché non lo sentivo allontanarsi… Ogni tanto mi ricapita”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!