Elisabetta Villaggio denuncia l’industria cinematografica: “Ha abbandonato mio padre”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:23

Sono diversi anni che Paolo Villaggio è sparito dai radar del piccolo e del grande schermo, di lui rimangono i ricordi di quei personaggi umoristici che tanto avevano dell’italiano medio (dove medio sta per comune), di quello che fuori dal palinsesto televisivo conduce una vita routinaria e lotta per giungere a fine mese senza la sensazione di stare affogando.

Quali siano i motivi che hanno portato alla scomparsa di Paolo Villaggio dal mondo dello spettacolo non è dato saperlo, ma in un certo senso ce lo spiega la figlia Elisabetta con un post su Facebook in cui evidenzia come i grandi produttori cinematografici, una volta finita la sua epoca d’oro, lo abbiano semplicemente abbandonato: “Ma il cinema italiano lo ha abbandonato invece mio padre c’è“. Nel messaggio la premurosa figlia lascia intendere che le condizioni di salute del padre non sono delle migliori, ma che per avere 84 anni non ci si può comunque lamentare: “Non starà al meglio, certo”.

L’appello di Elisabetta ha smosso l’utenza Facebook che in pochissimo tempo ha riempito la sua pagina di commenti che fanno capire come il lavoro del padre non sia stato dimenticato dagli italiani che con i suoi film ci sono cresciuti e che nei suoi personaggi si sono rivisti. Ad esempio un utente scrive: “Il cinema lo ha abbandonato, i veri italiani NO. Paolo Villaggio sempre nel cuore“, un altro aggiunge: “Tutti noi italiani siamo Fantozzi“. Non poteva esserci una risposta migliore al dispiacere di una figlia che vede il padre triste per non aver più possibilità di recitare, ma che almeno si può consolare con la consapevolezza che il lavoro svolto durante la sua carriera rimarrà per sempre nel cuore degli italiani.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!