Firenze, si suicida con il gas nell’auto: il figlio apre lo sportello e si salva

Avrebbe deciso di togliersi la vita riempiendo la sua auto con il gas di una bombola. Non contento, ha tentato di uccidere anche il figlioletto di 9 anni, costringendolo dentro la vettura. E’ quanto accaduto nella provincia di Firenze e precisamente a Montecatini Val di Cecina, nel Volterrano. Il cadavere dell’uomo è stato scoperto nella tarda mattinata di oggi all’interno dell’auto, mentre il figlio del 43enne è riuscito a salvarsi. 

Stando alle prime ricostruzioni effettuate dalle forze dell’ordine, non sembrano esserci dubbi sul suicidio dell’uomo, che avrebbe tentato di togliere la vita anche al figlioletto, di soli 9 anni. Il tutto servendosi di una bombola del gas che è stata rinvenuta all’interno dell’auto.

Quando la vettura era ormai satura di gas, il figlio del 43enne è riuscito ad aprire lo sportello dell’auto e a sgattaiolare fuori dalla macchina. Il 43enne non ha rincorso il figlio, ma è rimasto all’interno dell’automobile: è stato ritrovato in posizione reclinata sul sedile posteriore.

Sempre in base a quanto appreso, i soccorritori avrebbero trovato all’interno della vettura alcuni scritti dell’uomo nei quali il 43enne avrebbe spiegato nel dettaglio le ragioni del gesto. Sul luogo del suicidio, assieme al personale del 118 e ai carabinieri, presenti anche i vigili del fuoco.